Storia degli Albanesi d'Italia

La venuta degli Albanesi in Italia, che ha inizio alla metà XV secolo e si conclude nel 1744 con la fondazione di Villa Badessa (Pe), è dovuta soprattutto all’incursione dei Turchi nella penisola balcanica, ma è altresì favorita dagli stretti rapporti commerciali e militari, che legavano l’Albania all’Italia già nei secoli precedenti. Prima dell’invasione ottomana, infatti, frequenti erano le migrazioni verso i territori della Serenissima.

Le colonie, fondate a seguito dell’avvento dei Turchi, si stanziano nel sud Italia, principalmente in Puglia, Calabria e Sicilia, e in quei territori che Skanderbeg aveva ricevuto dagli Aragona in cambio dell’aiuto militare prestato per sedare i tumulti dei baroni locali.

In linea generale, si può affermare che, nonostante sporadici passaggi di gruppi di albanesi in Italia sin dal XIII sec., è solo con la morte di Skanderbeg (1468) che si può parlare di veri e propri insediamenti di profughi in Italia.

La venuta degli Albanesi rappresenta per queste zone un momento di ripresa e di nuovo sviluppo; si trattava, infatti, di luoghi che vivevano un periodo di decadenza economica e sociale, alle quali era connesso un calo demografico dovuto anche a cause naturali, quali epidemie e terremoti.

Sondaggio

Bussola Trasparenza

Clicca qui

Amministrazione Trasparente

Manuale di gestione del protocollo informatico

Web Gis

PEC

Fatturazione Elettronica

Centrale Unica di Committenza Arberia

Case Vacanze Comunali

Vivi a San Giorgio Albanese

Segnalazione Bandi

Offerte di Lavoro

Statistiche sito

Linea Amica

150° Anniversario Unità d'Italia

 

Stemma

Comune di San Giorgio Albanese - Mbuzati
P.Iva 01108650787 - Cod. Fisc. 84000230783

Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.132 secondi
Powered by Asmenet Calabria